La tradizionale cerimonia del tè marocchina è conosciuta anche come Atay Bi Naa Naa ed è considerata l'espressione più raffinata dell'ospitalità.

Il tè utilizzato è il tè verde cinese, Special Gunpowder, noto per la sua freschezza e le qualità dissetanti. Di solito è il capo famiglia che si occupa della preparazione del tè che viene servito zuccherato e aromatizzato con la menta marocchina, una varietà particolarmente dolce e dall’aroma marcato. Una o due teiere sono preparate allo stesso tempo: il padrone di casa mette un pizzico di tè verde in ognuna, aggiunge una tazza di acqua bollente e versa in un bicchiere, quella che viene detta l'anima del tè, in arabo errouh.
Versa di nuovo acqua bollente nella teiera e risciacqua rapidamente le foglie per togliere in parte l'amaro. Una manciata di foglie di menta e un grosso pezzo di pan di zucchero sono poi aggiunti in ogni teiera, insieme all'anima del tè e l’acqua bollente.
Dopo pochi minuti d’infusione, agita l'infuso, per passarlo in un bicchiere e poi di nuovo nella teiera; lo assaggia, aggiungendo qualche foglia di menta o zucchero se necessario.
Poi, alza la teiera in alto e versa il tè nei bicchieri, che offrirà agli ospiti su un vassoio d'argento finemente inciso.